La medicina giusta

Sono Marco, un bel ragazzo 30enne di Cremona. Mi sono trovato a dover recarmi in farmacia per procurarmi oltre che una medicina specifica anche dei profilattici. E come sempre cambio la farmacia, un po per timidezza e pudore. Questa volta mi è capitato una cosa unica e indimenticabile per i modi. Mi ha servito una splendida ragazza, con un sorriso smagliante. E fino quì tutto ok. Gli dico cosa mi serve, lei sorridendo e facendo alcune battutine mi consegna il tutto. Stavo per uscire, ero quasi arrivato alla porta e lei mi è corsa dietro e mi ha bloccato per un braccio. Lei: scusami....devo verificare una cosa!!! Io tranquillamente sto per sfilare le cose consegnate ma lei mi ferma un'altra volta. E mi dice: Mi puoi seguire gentilmente? Io un po titubante la seguo tranquillamente. Insieme arriviamo nel retro del negozio. Sto sempre per dargli le cose appena consegnate ma lei mi prende la mano e la mette fra le sue gambe, allo stesso tempo mi mette mezzo metro di lingua in bocca. Io subito sono rimasto pietrificato poi una volta realizzato il tutto e pensando al fatto che comunque il negozio era vuoto ed era quasi orario di chiusura per pausa pranzo, mi sono lasciato andare. Al ché la mia mano invece di restare fuori dalla sua gonna, l'ho infilata dentro... Sono arrivato alla sua figa e ho iniziato a masturbarla. Lei mi ha aperto la patta dei pantaloni mi ha tirato fuori il cazzo e ha iniziato a farmi una sega. Non contenta, mi ha fermato e sfilato la mia mano dalla sua gonna, si è abbassata e me lo ha preso in bocca. Io l'ho lasciata giocare, perchè mi piaceva un sacco, ma sono arrivato ad un punto che non resistevo più. L'ho fermata, l'ho fatta salire, l'ho fatta girare, delicatamente o sollevato la sua gonna, le ho spostato il suo perizoma e ho affondato il mio cazzo nella sua figa. Abbiamo fatto sesso a più non posso, fino ad arrivare a godere entrambi. Una volta finito ci siamo ricomposti, lei mi ha allungato un bigliettino col suo numero e dicendomi sono Sara piacere, aspetto una telefonata per riprendere la cura. Ecco ero talmente su di giri in modo positivo che poi la medicina che avevo appena comprato per prenderla, non l'ho più presa perchè mi sentivo meglio.

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!