• Pubblicata il:
  • Autore: #BEDDAMINCHIA
  • Categoria: Racconti mature
  • Pubblicata il:
  • Autore: #BEDDAMINCHIA
  • Categoria: Racconti mature

DUE GIGOLO' PER LA ZIA – parte seconda- Solarino (SR)

Zia Bettina era molto più vecchia e brutta che nella foto da me ritoccata, perciò gli amici mi guardarono in malo modo. Murena mi bisbigliò all'orecchio:
- Hey Bellaminchia, questa non è la femmina della foto... chista fìmmina jè 'n cessu!
In effetti, indossava un largo vestito nero di vedovanza che non riusciva a nascondere i suoi chili di troppo, le gambe dalle ginocchia in giù erano disegnate da venuzze verdi e rosse, i capelli tinti di un biondo improbabile e il viso impietosamente rugoso. L'unica cosa che si salvava erano i denti: belli, bianchi e regolari. Peccato che fosse una dentiera!
Mangiato un cannolo e bevuto un bicchiere di vino, io me ne andai con la scusa di visitare dei parenti al paese, dicendo che sarei tornato verso le 22. La zia sembrò subito troppo calda e selvaggia, stava seduta sul divano in mezzo ai due gigolò intimoriti, che tracannavano il Pizia per farsi coraggio.
Quello che segue è il racconto che TONNO E MURENA mi fecero durante il ritorno a Siracusa.
- TONNO:
“Mentre bevevamo il vino, le misi una mano sulla spalla per muovermi giù fino alle minne, anzi minnone. Sotto, indossava solo il reggipetto rinforzato. Murena si fece attivo, la sedette su una coscia e la baciò in bocca con la lingua. Io sollevai il vestito nero e baciai la sua schiena calda. Le accarezzai la pancia e sganciai il reggiseno, liberando due mammelle cadenti ma enormi.
A quel punto zia Bettina spinse Murena all'indietro e si alzò di fronte a noi, si tolse definitivamente il vestito e le mutandone elastiche corredate di salvaslip anti-perdite, e rimase nuda senza vergogna. Mostrava addirittura il culone cellulitico e i peli grigi facendo delle mosse da spogliarello!
Pure noi due ci spogliammo, in piedi di fronte alla zia bollente che ci scrutava con desiderio. A turno, mettemmo le nostre labbra sulla sua bocca, mentre lei afferrava le nostre minchie imbarazzate con entrambe le mani.
CONTINUA

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!